WAAMTOURS

Street art

Milano non è grigia

Mandela.FabbricadelVapore

Milano è stata per anni descritta come “una città grigia e triste”, ma se si ha la pazienza di osservarla con curiosità capita di imbattersi nel colore davvero dietro ogni angolo. Negli ultimi anni la street art ha contribuito a trasformare l’aspetto dei muri da superfici grigie e talvolta trascurate, a supporto per opere d’arte di forte impatto: muri dipinti, opere scultoree in 3d, elementi urbani reinventati e portati a nuova vita, sticker e stencil dai messaggi più disparati.

Per una visita alternativa della città vi suggeriamo un assaggio dei luoghi principali in cui cercare le creazioni:

-il quartiere di Isola: uno dei primi ad ospitare l’espressività di street artist milanesi ed internazionali. Passeggiando per le caratteristiche vie si possono infatti trovare interi edifici dipinti (come ad esempio il popolare bar Frida), cassette dell’energia trasformate in personaggi dei cartoon, orecchie giganti che ci ascoltano, profondi ritratti che ci osservano da cassette della posta..Il consiglio è di guardare ovunque, perfino sotto i piedi!

-il Leoncavallo: luogo d’elezione per la street art e i graffiti milanesi, lo storico centro sociale della città è fittamente tappezzato di scritte e disegni talmente particolari da essere definito dal critico d’arte Sgarbi la “Cappella Sistina della contemporaneità”. Imperdibile.

-la zona dei Navigli, che oltre ai locali più “trendy”ospita un’intera via di poesie di strada e rebus, le saracinesche dei negozi con i ritratti dei personaggi che hanno reso grande Milano, la casa occupata Elicriso, i muri lungo i canali con le tecniche più varie, la storia della città e dei suoi protagonisti lungo due millenni vicino alla Basilica di San Lorenzo.

Pao Navigli

-“WallArt celebra  i 140 anni dell’istituto ortopedico Gaetano Pini con opere di PAO, Ivan e il duo Orticanoodles, creatore dei ritratti di 12 milanesi che hanno contrassegnato la cultura del ‘900.

Camminando per le vie vi capiterà spesso di notare le numerose centraline di controllo semaforico che si sono rifatte il look: con il progetto del Comune Energy box l’intervento di numerosi street artist le ha trasformate da anonimi e grigie cassette a capolavori di una galleria a cielo aperto.

Ma a Milano c’è anche un hotel dedicato alla street art: gli 11 piani del nuovissimo NYX in zona stazione Centrale sono caratterizzati da opere che si confrontano con le diverse dimensioni del muralismo, dall’astratto  al figurativo, dal 45 gradi al 3D reinventando lo spazio con un risultato davvero sorprendente.

A Milano il colore è dietro ogni angolo, buona ricerca!

Veronica

Scopri l’Alternative Tour Street Art

[:it]11.700 mq di milanesità[:]

View Portfolio